PAVIMENTI & RIVESTIMENTIARREDOBAGNO E SANITARIMATERIALI PER LA POSA

Posati a secco, incollati, sopraelevati, di minimo spessore (slim) o di grande spesssore (thick) in piccole tessere o in grandi lastre…le possibilità per pavimenti e rivestimenti sono davvero illimitate.

Parquet

In piccoli listelli o in listoni di grandi dimensioni, dal rovere all’ulivo, dalla perfezione del lucido alla forza del grezzo, dal lamellare allo stratificato, dal massello al prefinito… il parquet è uno dei materiali più amati per eccellenza, in grado di assumere tante facce diverse e di vestire con eleganza gli ambienti più svariati. Oggi molto utilizzato anche in bagni e cucine nonostante l’oggettiva scarsa resistenza all’usura e al graffio rispetto al grès porcellanato. Il legno è un materiale naturale e vivo, che può essere trattato per dargli tonalità non presenti in natura (sbiancatura) ma che garantisce sempre calore nell’ambiente su cui viene posato.

Grès Porcellanato

Il grès porcellanato è costituito da una miscela di argilla, sabbia e  altre sostanze naturali che, dopo un’accurata preparazione viene cotta a elevata temperatura (1000 – 1300 °C). La parola "grès" sta a significare che la massa ceramica della piastrella è estremamente greificata, compatta appunto, da cui l'eccezionale resistenza (a differenza delle ceramiche smaltate). L’aggettivo “porcellanato”, che sottolinea la raffinata eleganza che lo caratterizza, deriva dall’utilizzo del caolino, una argilla bianca che viene utilizzata anche per la produzione di porcellana.

Ceramica Monocottura e Bicottura

La loro denominazione deriva dal fatto che in fase di produzione le piastrelle, costituite da un supporto ed un rivestimento superficiale (smaltatura), subiscono un unico (monocottura) o due (bicottura) passaggi di cottura ad altissima temperatura ottenendo un risultato di ottima qualità estetica, che esalta in maniera particolare i colori e le decorazioni. Le inferiori caratteristiche meccaniche rispetto al grès porcellanato ne limitano oggi l’utilizzo a decorazioni di bagni e cucine, pavimenti con un carattere particolare (effetto maiolica, ad esempio) nel caso della monocottura e rivestimenti particolari per effetti artistici, nel caso della bicottura.

Cotto

Il cotto è una delle pavimentazioni più antiche ed affascinanti nella storia dell’uomo. L’argilla viene impastata e successivamente cotta, appunto, per conferire al mattone la consistenza e le particolarità tipiche del materiale. Nasce come materiale povero ma oggi è considerato un materiale nobile, usato prevalentemente in edifici di prestigio quali ville o appartamenti di lusso sia per pavimenti, sia come rivestimento sia per coperture e sottotetti. Nella ristrutturazioni di casolari di campagna o di ville antiche questo materiale fà da padrone. Il suo utilizzo spazia, quindi, sia in aree interne sia in aree esterne. E’ un materiale molto poroso e, di conseguenza, assorbente a liquidi e sporcizia. Viene pertanto trattato con impermeabilizzanti protettivi non tossici che lo rendono resistente all’usura e alle macchie, facile da pulire, senza alterarne il sapore antico, l’aspetto caldo ed accogliente, il naturale colore rosato tipico di questo materiale.

Clinker

Il clinker è un materiale laterizio ottenuto con la cottura delle materie prime a temperature molto elevate, tali da indurre quasi una vetrificazione del materiale. Tale trattamento rende il materiale particolarmente denso e resistente, anche dal punto di vista meccanico e gli conferisce una superficie estremamente dura e antisdrucciolo. La diversa finitura superficiale (grezza, semilucida o smaltata) permette di coniugare estetica e tecnologia nell’utilizzo per facciate ed ambienti esterni.

Mosaico

Coloratissimo o giocato sulle tinte tono su tono, in vetro o in gres porcellanato, destinato a ospitare dai più complessi disegni alle decorazioni più rigorose, il mosaico permette di creare praticamente qualsiasi cosa, anche su superfici tonde o dalla forma particolare ed è realizzabile con una molteplicità di materiali - dal vetro alla pietra, dal metallo alla ceramica – e di formati – dal quadrato, al tondo, allo spacco naturale. La personalizzazione con il mosaico è totale e la resa è sempre di grande effetto estetico.

Marmo e pietra

Dal Bianco di Carrara al Rosa Portogallo, dai neri assoluti alle lastre più variegate e sfumate, il marmo è la pietra per eccellenza e conferisce all’ambiente classe ed eleganza senza eguali. Lucido o semi-lucido si presta bene ad essere impiegato in grandi ambienti di rappresentanza così come in piccoli ambienti-gioiello. La superficie rimane comunque “viva” e quindi più porosa e meno resistente all’urto rispetto al grès porcellanato, ma di ineguagliabile effetto. Se il marmo guarda alla tradizione, pietre e graniti ben si collocano in ambienti moderni, pavimentazioni esterne, facciate, nelle infinite possibilità di finitura superficiale (anticata, levigata, lucida, opaca, fiammata).

PAVIMENTO VINILICO

Flessibile, fonoassorbente, resistente all’acqua, resistente all’usura, antibatterico e antiscivolo. Il pavimento vinilico è particolarmente adatto alle ristrutturazioni (grazie al suo basso spessore può essere direttamente e rapidamente posato in sovrapposizione a pavimenti esistenti). Le finiture simil-pietra e simil-legno lo rendono utilizzabile in qualsiasi spazio commerciale e residenziale.